Aci Catena | Etna Walking Rural

Comune di Aci Catena

La sua attuale denominazione si deve al culto di Maria SS. della Catena,
a cui e’ intitolata la Chiesa Madre.

Aci Catena è un piccolo comune adagiato nella vallata del fiume Aci, a 170 mt. di altitudine. In passato aveva tanti nomi quanti sono gli attuali rioni, borgate e contrade: Reitana, S. Venera al Pozzo, Nizzeti, Mangano, S. Nicolò, etc. La sua attuale denominazione si deve al culto di Maria SS. della Catena, a cui e’ intitolata la Chiesa Madre. Ogni anno, l’11 Gennaio e il 15 Agosto, si celebra una festa dedicata alla Madonna.

BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI

Il principale tempio cittadino è il Santuario dedicato a Maria SS. della Catena che si fa ammirare soprattutto per tre elementi: la Madonna, la cupola e la campana. La preziosità dei monili, il manto dorato e la corona rendono la Madonna imponente e maestosa. Anche il Bambino che tiene in braccio è un gioiello d’arte. Particolare degno di nota è la manina che porta sulla mano una catena dorata quasi a voler legare il cuore dei fedeli alla Madre. In contrada Reitana ci sono le Terme Romane, che sembrano sorgere su un precedente impianto, probabilmente greco. Sono visibili i resti del basamento di un tempietto romano forse di età repubblicana, probabilmente dedicato a Venere. La denominazione di “Terme di S. Venera al Pozzo” e’ secentesca. Molto suggestivo il percorso dei Mulini ad acqua nella vallata greco-romana di Reitana. La costruzione dei mulini fu dovuta principalmente alla grande quantità di acqua disponibile sul territorio. Ecco perché la piazza Reitana è famosa per la lavorazione dei lupini, per la presenza delle sorgenti.

PRODOTTI TIPICI

L’immagine maestosa dell’Etna fa da sfondo a distese immense di agrumeti. Aci Catena è conosciuta per la produzione del Limone verdello, anche chiamato “limone d’estate” per la fioritura nel periodo estivo. Tra i prodotti del territorio c’e’ anche il Cavolo Trunzu di Aci e la Ricotta salata o infornata.