Comune di Tremestieri Etneo

Più volte devastato e sempre ricostruito con tenacia dalla popolazione, Tremestieri porta con sé i segni della sua storia e si è sempre distinto per l’accoglienza offerta ai fedeli delle vicine contrade.

Tremestieri è un’affascinante terrazza su Catania e uno dei Comuni che nell’ultimo trentennio ha fatto registrare maggiore incremento di popolazione. Ricca di ville lussuose, costruite da nobili e facoltosi catanesi che hanno scelto la cittadina come luogo di villeggiatura per via del clima e dell’ambiente gradevoli. E’ un Comune a forte vocazione turistica.

STORIA

Per il suo clima mite e la fertilità della terra, Tremestieri etneo ha avuto sin dall’antichità’ numerosi insediamenti umani. Le tracce rimaste non sono molte a causa dei frequenti eventi calamitosi, violenti terremoti ed eruzioni, che hanno stravolto l’aspetto dei luoghi. Qualche reperto rinvenuto riporta alle civilita’ ellenistica, romana, bizantina e normanna. Più volte devastato e sempre ricostruito con tenacia dalla popolazione, Tremestieri porta con sé i segni della sua storia e si è sempre distinto per l’accoglienza offerta ai fedeli delle vicine contrade. “I cafoli”, oggi contrada Cavolo, al confine con Mascalucia, per fare un esempio, non sono altro che una fessura di scorrimento lavico dovuta all’eruzione del 1381.

CULTURA

Tremestieri prende il nome dal latino “Tria Monasteria” anche se, secondo alcuni studiosi, le origini deriverebbero da “Tre Musteri”, tre palmenti, per la larga diffusione della cultura vitivinicola nel territorio. Il termine Etneo è stato aggiunto solo in seguito per distinguere il Comune della provincia di Catania da quello della provincia di Messina. Nel gonfalone sono racchiusi i simboli della città: l’Etna fumante che spadroneggia e che ha avuto un ruolo di primo piano nelle vicende storico-culturali del luogo; tre costruzioni che rappresentano le facciate degli antichi quartieri del Centro, Piano e Immacolata, sullo sfondo di una collina verde; il segno “M” in omaggio alla Madonna venerata; il fondo rosso, colore del vulcano; due rami di ulivo che ricordano l’antica devozione alla patrona del Paese; la Madonna della Pace, celebrata tutti gli anni la prima domenica dopo la Pasqua. A lei è dedicato il monumento che si trova nella villetta comunale e ricorda la statua originale posta sulla collina delle apparizioni di Medjugorie.

EVENTI E PRODUZIONI DI QUALITÀ

Attesissime, in autunno, manifestazioni gastronomiche e sagre di paese. Ad Ottobre Tremestieri Etneo viene inondato dal profumo di iris, uno dei dolci più famosi della cucina siciliana, espressione della cucina casalinga più antica, ripieno di crema e ricotta locale. Il Mercatino dei morti, esposizione fieristiche di prodotti dell’artigianato, esposizione di lavori di tombolo, pittura e chiacchierino arricchiscono la manifestazione  creando un evento nell’evento.

BENI CULTURALI

Solo alcune Chiese sono sopravvissute agli eventi calamitosi: la Chiesa Madre, dedicata alla Madonna della Pace, al cui interno ogni anno viene allestito un grande presepe vivente, la Chiesa dell’Immacolata, risalente alla metà del XVII° secolo, la chiesa della Madonna dell’Idria, della prima metà del  XVII secolo, la Chiesa Santa Maria delle Grazie, al cui interno si trovano due tele pregevoli che rappresentano la Madonna con Santa Lucia e Sant’Agata e San Rocco e l’Angelo, la Chiesa di S.Antonio di Padova e la Chiesa di San Marco.