Notice: Constant DISALLOW_FILE_EDIT already defined in /home/wwwetnawalkingru/public_html/wp-config.php on line 170
Festa del Limone a Scillichenti | Etna Walking Rural
Festa del Limone a Scillichenti
4 August 2017 Daniela Moscato

August 18/20 – Acireale (CT)

Festa del Limone in Scillichenti, part of the municipality of Acireale (CT) from 18 to 20 August 2017.
The event will take place in Piazza Chiesa, tastings of local products, food stands, historical exhibition on the tools for the cultivation of lemon.

Scillichenti is a fraction of the town of Acireale, in the province of Catania, from which it is about 6 kilometers. The hamlet, located north of Acireale on the road leading to Riposto, is an expanding residential center nestled among citrus groves. According to tradition, the name of the locality derives from the Sicilian word sciddicari (slipping) with reference to the lava rocks that caused frequent falls to donkeys and mules that were used for the transport of agricultural products. The current church dates back to 1912; It was elevated to a parish in 1932 and is dedicated to the Madonna of Pompeii. The center in 2002 was hit by the so-called earthquake of Santa Venerina and reported several damages.

For more information: https://www.facebook.com/Festa-del-Limone-Scillichenti

Festa del Limone a Scillichenti
Daniela Moscato

18 / 20 agosto – Acireale (CT)

Festa del Limone Scillichenti, frazione del comune di Acireale (CT) dal 18 al 20 agosto 2017.
La manifestazione si svolgerà in piazza Chiesa, degustazioni di prodotti tipici, stand gastronomici, mostra storica sugli arnesi per la coltivazione del limone.
Scillichenti è una frazione del comune di Acireale, in provincia di Catania, da cui dista circa 6 chilometri. La frazione, posta a nord di Acireale sulla strada che conduce a Riposto, è un centro residenziale in espansione immerso tra gli agrumeti. Secondo tradizione il nome della località deriverebbe dalla voce verbale siciliana sciddicari (scivolare) con riferimento alle rocce laviche che provocavano frequenti cadute agli asini e ai muli che venivano utilizzati per il trasporto dei prodotti agricoli. La chiesa attuale risale al 1912; venne elevata a parrocchia nel 1932, è dedicata alla Madonna di Pompei. Il centro nel 2002 venne colpito dal terremoto cosiddetto di Santa Venerina e riportò diversi danni.