Notice: Constant DISALLOW_FILE_EDIT already defined in /home/wwwetnawalkingru/public_html/wp-config.php on line 170
Festa San Vito a Mascalucia | Etna Walking Rural
Festa San Vito a Mascalucia
14 June 2017 Daniela Moscato

June 15th – Mascalucia (CT)

Celebrations in Honor to the Patron Saint and Protector Vito in Mascalucia (CT), June 15, in memory of his glorious birth to heaven and the first Sunday of August. Like every year the City of Mascalucia prepares to welcome the patron with great faith and devotion.

Many years ago the Patron Saint was Saint Nicholas of Bari, but after various vicissitudes his place was taken by San Vito. San Vito martyr was born in Mazara probably around AD 286. Tradition says that he lost his mother as a child and that he was entrusted to the care of a Christian nurse named Crescenzia and a Christian teacher, also called Modesto, the whom they secretly taught him in the Christian faith. On February 23rd, 303 a persecution against the Christians broke out in a furious manner with the edict issued by the emperor Diocletian.

The persecution soon spread, like a cyclone, for all the provinces of the empire and the orders of the emperor soon reached Sicily, where almost all the Christians preferred to die rather than to deny Christ. Vito’s father, tried in every way to dissuade his son to adhere to Christianity, but not having succeeded, he denounced it to the public authorities. Certainly also for the young Vito were used all those torture that were put in place on such occasions. First of all, the Martyr was tried to get dirty with the temptation of the senses, so that before his faith, man would feel himself a vanquished and a traitor in the moral life.

Opening Carri that tell the life of the patron saint, and spectacular fireworks. Suggestive procession of the Sacred Effige del Santo, placed on the silvery Fercolo, traditional “Entry of the parties” (section of the districts of Mascalucia, San Vito and Matrice), enchanting fireworks display. The party evenings end with the opening of the San Vito Cart, an architectural structure in iron and wood characterized by artistic motifs with living figures that represent the life of Vito plastically. The climax of the final scene occurs with the apotheosis of San Vito, unveiled with a grandiose fireworks display. The celebrations in honor of the Patron Saint begin with the Holy Mass, the exposition of the SS. and guided adoration.

June 15
9.15 am Unveiled of the patron saint Vito.
5.00 pm Entry of the Band of the Band
8.00 pm Exit of the patron saint Vito and Procession along the main streets of the city and up to the Chiesa Madre.
11.30 pm return of the patron saint Vito in his own church and spectacular fireworks.

Summer festivities – first Sunday in August
Unveiled by the Patron Saint Vito, at 9.00 pm Exit of San Vito and Procession along Via Etnea until Chiesa Madre, return to the church of San Vito at the conclusion of the Pirotecnico show
“Hurray Santu Vitu”.

The cult of San Vito is dated much earlier than its official proclamation, in fact it is known that, during the eruption of 1669, the holy statue, as a precaution, was transported to Catania in the Cathedral.

On June 15, the feast of the patron Saint San Vito is celebrated, the day of his martyrdom. On that day the village wakes up at dawn with the festive sound of all the bells of the Churches that announce to the devotees the beginning of the festivities.

During the first mass takes place the “unveiled” characteristic of the Saint. The Church is always full of devotees, most of them wearing white handkerchiefs to praise the patron saint of “viva San Vito”! The climax of the ceremony is at the moment of the “Gloria”, when the door of the Sacello opens slowly and slowly and the statue of the Patron begins to glimpse.

The bells ring at the party, the firecrackers crackle outside the church and all of them inside are in San Vito. In a few minutes San Vito is shining in the middle of his altar and immediately a small group of devotees are ready to take the statue and place it on the main altar. The mass continues between chants and litanies, also dialectal, which recall the martyrdom of the Saint.

The Church remains open all day to allow the faithful to honor the saint.

At the end of the morning mass, the Commission of the festivities preceded by the band goes on the streets of the village to collect offers or rather the gifts that will then be banned at the afternoon auction. A moto-ape feature has the task of following the folk procession and cramming the collected material.

In the afternoon, a fateful appointment in Piazza Umberto to win or “the asparagus” of Donna Concetta or “the roosters” of Don Neddu or “the wine” of Don Serafino, etc …; everyone waits for the article that annually buys a weight of gold, but we know the offer is for San Vito and everything is granted. The role of a crier has been played for many years by don Concetto Reina, “dei Sciavazza”; there is no devotee who does not buy something!

The party continues, after the evening mass, the statue of San Vito is brought in front of the main door of the Church, the band performs religious music and at the Via del Mastro party begin the traditional fireworks. The “final bass drum” gives the signal that the shots are over and that there are intonations of prayers and litanies until San Vito is near his sacellum. A waving of white handkerchiefs with the cry of “viva San Vito” accompany the statue in the short route until the mechanical door precludes it from the sight of the faithful.

A thousand emotions overwhelm the mind of devotees who already think they will be able to see San Vito the first Sunday of August.

In the “Registrum Litterarum 1632-33, n.51 …” we learn that the date of the first Sunday of August is approved to celebrate San Vito because “… for not being in this house that everyone is occupied for the seminary … “could not be held on June 15th.

Domenico Aiello in his book “For the story of Mascalucia – The Church of San Vito”, 1996: “… The feast of St. Vito fell on June 15, but given the particular moment of intense work in the countryside (especially those a seminerio), it was almost never celebrated on that date, because most of the inhabitants were absent from the country, so they had to anticipate the date of a few days or transfer it, as was usually done on the third Sunday of the month to allow everyone to take part in it.

In spite of the displacements that this day underwent, it fell too close to the one in which the “Plaghi (Gravina)” was celebrated, the patron saint of St. Anthony of Padua was celebrated. This caused considerable disagreement among the devotees of the two countries, which often resulted in clashes and fights, especially if the two dates were unfortunately to coincide.

Any means, then, was good to try to pass in second order the holiday of the nearby farmhouse, as when the master of Gravina’s work write to the Bishop that their was: “… party of Matrix et that (S .Vito) Chapel party … “.

Small disagreements occurred between the two Casali between the years 1622 and 1639, but fortunately those disputes were only color notes between the sacred and the profane of everyday life. But in 1639 Monsignor Branciforte decided to forbid for that year the external celebrations of the relative Patrons.

Notoriously the patronal festival is postponed with respect to the “dies natalis” of June 15th.

For more information: www3.comunemascalucia.it

 

Festa San Vito a Mascalucia
Daniela Moscato

15 Giugno – Mascalucia (CT)

Festeggiamenti in Onore al Santo Patrono e Protettore Vito a Mascalucia (CT), il 15 giugno, in ricordo della Sua gloriosa nascita al cielo  e la prima domenica di agosto. Come ogni anno la Città di Mascalucia si prepara ad accogliere con grande fede e devozione il patrono.
San Vito Patrono di Mascalucia
Moltissimi anni fa il Santo Patrono era San Nicola di Bari, ma dopo varie vicissitudini il suo posto fu preso da San Vito. San Vito martire nacque a Mazara probabilmente verso l’anno 286 d.C.. La tradizione dice che perdette da bambino la madre e che fu affidato alle cure di una nutrice cristiana di nome Crescenzia e ad un maestro, anche lui cristiano, di nome Modesto, i quali di nascosto dal padre lo educarono nella fede cristiana. Il 23 febbraio del 303 si scatenò in modo furioso una persecuzione contro i Cristiani con l’editto emanato dall’imperatore Diocleziano.
La persecuzione si estese presto, come un ciclone, per tutte le province dell’impero e gli ordini dell’imperatore raggiunsero presto anche la Sicilia, dove quasi tutti i cristiani preferirono morire piuttosto che rinnegare Cristo. Il padre di Vito, cercò in tutti i modi di dissuadere il figlio ad aderire al Cristianesimo, ma non essendoci riuscito, lo denunziò alle pubbliche autorità. Certamente anche per il giovane Vito furono usate tutte quelle torture che venivano messe in atto in simili occasioni. Si cercava prima di tutto di imbrattare con le tentazioni dei sensi il Martire, in modo che prima che nella fede, l’uomo si sentisse un vinto ed un traditore nella vita morale.
La Festa
Apertura Carri che raccontano la vita del Santo patrono, e spettacolari fuochi pirotecnici. Suggestiva processione della Sacra Effige del Santo, posta sull’argenteo Fercolo, tradizionale “Entrata dei partiti” (sezione dei quartieri di Mascalucia, San Vito e Matrice), incantevole spettacolo pirotecnico. Le serate della festa si concludono con l’apertura del Carro di San Vito, struttura architettonica in ferro e legno caratterizzata da motivi artistici con personaggi viventi che rappresentano plasticamente la vita di Vito.  Il culmine della scena finale si verifica con l’apoteosi di San Vito, svelato con un grandioso spettacolo di fuochi d’artificio. I festeggiamenti in onore del Santo Patrono hanno inizio con la Santa Messa, l’esposizione del SS. e l’adorazione guidata.
15 giugno
ore 9.15 Svelata del Santo Patrono Vito.
ore 17.00 Entrata del Corpo Bandistico
ore 20.00 Uscita del santo Patrono Vito e Processione lungo le vie principali della Città e fino in Chiesa Madre.
ore 23.30 circa rientro del Santo Patrono Vito nella Propria Chiesa e Spettacolari Fuochi Pirotecnici.

Festeggiamenti estivi – prima domenica di agosto
Svelata del Santo Patrono Vito, ore 21.00 Uscita Di San Vito e Processione lungo via Etnea sino in Chiesa Madre, rientro in chiesa San Vito a conclusione spettacolo Pirotecnico
Evviva Santu Vitu“.

Il culto di San Vito è datato molto anteriormente alla Sua proclamazione ufficiale, infatti si ha notizia che, durante l’eruzione del 1669, il santo simulacro, per precauzione, fu trasportato a Catania nella Cattedrale.
Il 15 giugno ricorre la festa del Santo Patrono San Vito, giorno del suo martirio. In quella giornata il paese si sveglia all’alba con il suono festoso di tutte le campane delle Chiese che annunziano ai devoti l’inizio dei festeggiamenti.
Durante la prima messa avviene la caratteristica “svelata” del Santo. La Chiesa è sempre stracolma di devoti, la maggior parte muniti di fazzoletti bianchi per inneggiare al Santo Patrono al grido di “viva San Vito“! Il culmine della cerimonia si ha al momento del “Gloria”, quando si apre piano-piano la porta del Sacello e comincia ad intravedersi la statua del Santo Patrono.
Le campane suonano a festa, i mortaretti scoppiettano all’esterno della Chiesa e tutti all’interno inneggiano a San Vito.  In pochi minuti ecco San Vito brillare al centro del suo altare e subito sono pronti un gruppetto di devoti per prendere la statua e posizionarla sull’altare maggiore. La messa prosegue tra canti e litanie anche dialettali, che ricordano il martirio del Santo.
La Chiesa resta aperta l’intera giornata per permettere ai fedeli di onorare il Santo.
Alla fine della messa mattutina, la Commissione dei festeggiamenti preceduta dalla banda musicale si incammina lungo le strade del paese per raccogliere le offerte o meglio i doni che poi verranno banditi all’asta pomeridiana. Una caratteristica moto-ape ha il compito di seguire la folcloristica processione e di stipare il materiale raccolto.
Nel pomeriggio fatidico appuntamento in piazza Umberto per aggiudicarsi o “gli asparagi” di donna Concetta o “i galletti” di don Neddu o “il vino” di don Serafino, etc…; ognuno attende l’articolo che annualmente compra a peso d’oro, ma si sa l’offerta è per San Vito e tutto è concesso. Il ruolo di banditore viene svolto da parecchi anni da don Concetto Reina, “dei Sciavazza”; non c’è devoto che non acquisti qualcosa!
La festa continua, dopo la messa vespertina, la statua di San Vito viene portata davanti alla porta principale della Chiesa, la banda esegue musiche religiose ed al via del Mastro di festa hanno inizio i tradizionali fuochi d’artificio. La “grancassa finale” da il segnale che gli spari sono finiti ed ecco che si intonano preghiere e litanie sino a quando San Vito si trova in prossimità del suo sacello. Uno sventolio di fazzoletti bianchi al grido di “viva San Vito” accompagnano nel breve percorso la statua fino a quando la porta meccanica lo preclude alla vista dei fedeli.
Mille emozioni travolgono la mente dei devoti che già pensano che potranno rivedere San Vito la prima domenica di agosto.
Nel “Registrum Litterarum 1632-33, n.51…” si apprende che viene approvata la data della prima domenica di agosto per festeggiare San Vito poiché “… per non essiri genti in detto casale che tutti sono occupati per il seminerio …” non si era potuta svolgere il 15 giugno.
Domenico Aiello nel suo volume “Per la storia di Mascalucia – La Chiesa di San Vito”,1996: “…La festa di S. Vito cadeva il 15 giugno, ma dato il particolare momento d’intenso lavoro nelle campagne (soprattutto quelle a seminerio), essa non veniva quasi mai celebrata in quella data, perché gran parte degli abitanti era assente dal paese. Si era quindi costretti ad anticipare la data di qualche giorno o trasferirla, come si faceva solitamente alla terza domenica del mese per permettere a tutti di prendervi parte.
Malgrado però gli spostamenti che subiva questo giorno, esso cadeva fin troppo vicino a quello in cui ai “Plaghi (Gravina)”, si festeggiava il patrono S.Antonio di Padova. Ciò causava notevoli dissapori tra i devoti dei due paesi, che spesso sfociavano in scontri e risse, specialmente se le due date venivano malauguratamente a coincidere.
Qualsiasi mezzo, poi, era buono per tentare di far passare in second’ordine la festività del vicino casale, come quando i mastri d’opera di Gravina scrivono al Vescovo che la loro era: “… festa di Matrice et quella (S.Vito) festa di Cappella …”.
Piccoli screzi si ebbero tra i due Casali tra gli anni 1622 ed il 1639, ma fortunatamente quelle contese erano solo note di colore tra il sacro ed il profano della vita quotidiana. Ma nel 1639 monsignor Branciforte decise di vietare per quell’anno i festeggiamenti esterni dei relativi Patroni.
Notoriamente la festa patronale viene posticipata rispetto al “dies natalis” del 15 giugno.
Per maggiori informazioni: www3.comunemascalucia.it